Considerazioni prima dell’intervento al seno: dai rischi ai costi

Sei pronta per il cambiamento?

Prendi tutto il tempo necessario per decidere. Dovresti avere aspettative realistiche su cosa può fare la chirurgia estetica, quali sono i tuoi limiti e quali sono i rischi dell'aumento del seno. Qualsiasi intervento chirurgico è uno stress per il tuo corpo e la tua mente. Fidati del tuo chirurgo, per stabilire se sei fisicamente e mentalmente adatta.

È normale essere nervosi prima di un cambiamento di questo tipo. Parla apertamente con il tuo chirurgo delle tue sensazioni e chiarisci tutti i dubbi in anticipo. Allo stesso tempo, non dovresti sentirti costretta a sottoporti a un intervento di chirurgia plastica solo perché hai avuto un consulto con un chirurgo. Puoi sempre decidere di non farlo – non sentirti mai sotto pressione.

Contatti 

[Translate to Italian:] Vorüberlegungen

Quali sono i costi della chirurgia del seno?

Non si dovrebbe mai decidere di ricorrere alla chirurgia plastica per compiacere qualcuno, ma solo per sentirsi più a proprio agio con il proprio corpo. Si tratta della tua salute - e questa è la tua risorsa più preziosa. Pertanto, non dovresti farti tentare dalla chirurgia del seno a basso costo. Se non puoi permetterti un intervento chirurgico con il tuo chirurgo preferito, dovresti posticipare i tuoi piani piuttosto che optare per un altro chirurgo. Se stai cercando offerte a buon mercato, ricorda che non si dovrebbe mai lesinare sulla sicurezza, sulla salute o sulla qualità della chirurgia estetica. Non compromettere la tua salute, anche se il costo dell’intervento al seno può sembrare conveniente.

Quali sono i rischi e le potenziali complicanze?

Il nostro impegno alla POLYTECH è volto a fornire ai pazienti informazioni complete e chiare. Informazioni e indicazioni esaustive sono altresì essenziali nel rilevamento precoce dei sintomi, permettendo così un trattamento precoce e una prognosi positiva.

Come in qualsiasi intervento chirurgico, anche la mastoplastica additiva, ovvero l’aumento del volume delle mammelle, e la ricostruzione del seno possono comportare dei rischi e l’insorgenza di complicanze. Si tratta di rischi legati all’anestesia, rischi di asimmetria, dislocazione dell’impianto, aumentata cicatrizzazione, disturbi di sensibilità, contrattura capsulare, infezione, perdita dell’integrità del guscio. Queste complicanze possono rendere necessaria una nuova operazione o la rimozione della protesi con o senza sostituzione. Prima di un intervento al seno dovresti sempre parlare con il tuo medico sui possibili rischi e risultati dell’impiantazione di una protesi. I chirurghi hanno il dovere di illustrare i rischi dell’intervento al seno e rispondere alle tue domande.

Le protesi mammarie influiscono sulla frequenza del tumore della mammella?

In ampi studi pubblicati ad oggi è stato valutato che le donne con protesi mammarie non sono soggette a maggiori rischi di tumore della mammella rispetto alle donne che non hanno tali protesi.1-5 

Pubblicazioni recenti menzionano anche il BIA-ALCL (linfoma anaplastico associato a protesi mammarie), un sottotipo del linfoma che può formarsi intorno alle protesi mammarie. Non si tratta di un tumore della mammella ed è una malattia molto rara: la sua incidenza è di 33 casi su 1 milione nel corso della vita di una donna con protesi mammaria8 rispetto al tumore della mammella, dove il rischio nella durata di vita è di 1 caso su 8 donne (con o senza protesi).8 La ragione per cui si sviluppa è ancora sconosciuta, ma ora è facile diagnosticare questa malattia e ad uno stadio precoce è possibile un trattamento efficace con una buona prognosi.6-7 In base alle conoscenze attuali (febbraio 2019) nessuna tipologia di protesi e nessuna superficie di protesi possono essere completamente escluse dal basso rischio di essere associate a BIA-ALCL. 

L’eventuale insorgere di un sieroma tardivo sviluppato in seni con protesi dovrebbe essere trattata con cure mediche adeguate. Ricordati di fare controlli regolari dal tuo medico. Se noti cambiamenti al seno, come gonfiore, arrossamento, dolore, indurimento del seno, rivolgiti immediatamente al tuo medico.


Tieniti informata!!  Continua a leggere  

Gravidanza e allattamento

In caso di gravidanza o allattamento in corso, si consiglia di posticipare l’intervento fino a quando il seno non riacquista le dimensioni e la forma normali. Le protesi mammarie, inoltre, non dovrebbero influire sulla futura capacità di allattare al seno. Ciononostante, dovresti informare il chirurgo dei tuoi progetti in una fase precoce in modo che lui/lei possa pianificare l’intervento di conseguenza. Spesso è consigliabile eseguire un intervento di aumento del seno solo dopo la gravidanza. Anche se i cambiamenti nel tuo corpo non hanno alcun effetto sugli impianti stessi, la gravidanza può avere un effetto permanente sulla forma del tuo seno.

[Translate to Italian:] Implantat

Hai meno di 20 anni?

Se hai meno di 20 anni e stai valutando di sottoporti a un intervento di mastoplastica additiva, ti consigliamo di attendere. Per ottenere i migliori risultati, una donna dovrebbe aspettare fino a quando il seno avrà raggiunto lo sviluppo completo e solo allora prendere una decisione.

[Translate to Italian:] Implantat

Progetti per il futuro

Se hai intenzione di perdere peso o rimanere incinta, è consigliabile posticipare l’intervento di chirurgia plastica. Sebbene i cambiamenti di peso non influiscano sulle protesi stesse, possono alterare il modo in cui appare il tuo seno.

 

[Translate to Italian:] Implantat

Hai problemi di salute?

La chirurgia estetica rappresenta uno stress per il tuo corpo e dovrebbe essere presa in considerazione solo se godi di buona salute. Se soffri di problemi di salute che potrebbero metterti a rischio durante l'intervento chirurgico al seno, il chirurgo può decidere di posticipare o addirittura rifiutare di eseguire l’intervento. Comunica sempre al tuo chirurgo tutte le informazioni sul tuo stato di salute, per consentirgli un’approfondita valutazione del tuo caso.

Fonti::

1. American Council On Science And Health (1996) Silicone breast implants: why has science been ignored? (German translation available from POLYTECH Health & Aesthetics GmbH)

2. The report of the independent review group (1998) Silicone breast implants. Crown, London

3. Friis, S., McLaughlin, J.K., Mellemkjaer, L., Kjoller, K.H., Blot, .J., Boice, J.D. Jr., Fraumeni, J.F. Jr., Olsen, J.H. (1997) Breast implants and cancer Risk in Denmark. International Journal of Cancer 71, 956-958

4. Deapen, D.M., Bernstein, L., Brody, G.S., (1997) Are breast implants anticarcinogenic? A 14-year follow-up of the Los Angeles study. Plast. Reconstr. Surg. 99, 1346-1353

5. Bryant, H., Brasher, P. (1998) Breast implants and breast cancer – reanalysis of a linkage study. N. Eng. J. Med. 332, 1535-1539

6. Hester, T.R., Ford, N.F., Gale, P.J., Hammett, J.L., Raymond, R., Turnbull, D., Frankos, V.H., Cohen, M.B. (1997) Measurement of 2,4-toluenediamine in urine and serum samples from women with Même or Replicon implants. Plast. Reconstr. Surg. 100, 1291ff

7. Food and Drug Adminstration (1995) Department of Health and Human Services Update: study of TDA released from polyurethane foam-covered breast implants. June 27, 1995.

8. Doren, E.L., Miranda, R.N., Selber, J.C., Garvey, P.B., Liu, J., Medeiros, L.J., Butler, C.E., Clemens, M.W. (2017) U.S. Epidemiology of Breast Implant-Associated Large Cell Lymphoma. Plast. Reconstr. Surg. 139(5), 1042-1050