Informazioni importanti sulla salute e sulla ricostruzione del seno

 

Il carcinoma mammario è il tipo di tumore più comunemente diagnosticato nelle donne, che colpisce in media 1 donna sui 8 nel corso della vita.1) La ricostruzione del seno è il passaggio finale in un lungo viaggio sfiancante fisicamente ed emotivamente ed è eseguita da chirurghi plastici esperti nella ricostruzione, in collaborazione con le squadre oncologiche e chirurgiche.
Oggi più che mai esistono nuovi strumenti e tecniche operatorie che consentono ai chirurghi di supportare le esigenze estetiche e di immagine fisica della paziente. Le statistiche mostrano un continuo aumento delle procedure di ricostruzione del seno, il 29% in più nel 2018 rispetto al 2000!2)
In POLYTECH ci impegniamo per l'educazione della paziente e in vista del mese di sensibilizzazione sul cancro al seno di ottobre, abbiamo intervistato i principali chirurghi per quanto riguarda la salute e la ricostruzione del seno.

1.    Test di screening per la salute del seno

La diagnosi precoce è la chiave: negli ultimi anni c’è una minore incidenza mortale del carcinoma mammario, il che è attribuito agli sforzi di diagnosi precoce e al miglioramento della cura dei pazienti.3) I test di screening raccomandati variano in base all'età delle donne e alla storia della salute personale. Seguire le linee guida stabilite dalla propria organizzazione sanitaria locale e in generale eseguire almeno una mammografia o un test di screening ecografico dall'età di 40 anni.4)

I chirurghi plastici in genere raccomandano alle donne con protesi mammarie di sottoporsi a controlli regolari ogni anno, presso il loro ambulatorio o con il loro medico di famiglia.

2.    Auto esaminazione per donne con protesi mammarie

I chirurghi dovrebbero educare i propri pazienti di aumento del seno su come distinguere tra il tessuto mammario e i bordi dell'impianto, in modo che si sentano sicuri per l'auto esaminazione del seno.5)

3.    Test di screening per donne con protesi mammarie

Come accennato in precedenza, la diagnosi precoce è fondamentale e uno dei test di screening più comuni per le donne è la mammografia. Esistono considerazioni speciali per la mammografia con protesi mammarie e il tecnico di radiologia deve essere informato in anticipo. Leggi di più qui >

4.   Consigli per la paziente con ricostruzione mammaria

La ricostruzione del seno è l'ultimo passo in un lungo viaggio verso la guarigione. È una procedura elettiva, che richiede pazienza dopo un viaggio che è già lungo e faticoso. Il consiglio principale per le pazienti ricostruttive è la pazienza, poiché spesso la ricostruzione del seno richiede più di una procedura.

5.   I due tipi di approccio alla ricostruzione mammaria

Esistono due principali approcci chirurgici alla ricostruzione del seno:

  • Ricostruzione del seno con protesi
  • Ricostruzione autologa o "lembo", utilizzando il trapianto di tessuto da un'altra parte del corpo (come pancia, coscia o schiena)

I due approcci possono essere combinati.

Il chirurgo sarà in grado di raccomandare il miglior approccio chirurgico per le vostre specifiche esigenze di ricostruzione.

6.    La differenza tra ricostruzione immediata e ritardata

La ricostruzione del seno può essere eseguita immediatamente dopo la mastectomia (in un'unica procedura). Tale ricostruzione è chiamata “ricostruzione immediata” e viene solitamente eseguita nei casi in cui non sono necessari ulteriori trattamenti (come la chemioterapia o la radioterapia).

In altri casi, il chirurgo può preferire la ricostruzione ritardata, che viene eseguita dopo la somministrazione dei trattamenti aggiuntivi e dopo un periodo di recupero come raccomandato dal team medico.

7.    I benefici della ricostruzione del seno

La ricostruzione del seno è una procedura elettiva e una scelta molto personale. È l'ultimo passo di un lungo viaggio verso il recupero della salute e del benessere. Tra i benefici della ricostruzione del seno vi sono un aspetto più equilibrato del seno con abiti e senza, una riacquistata forma del seno, una sensazione più positiva del paziente nei confronti della propria immagine e una maggiore fiducia.